Benvenuto in Gitec

 

 


18/07/2018: COMUNICATO CCIAA 18/7/2018 - DICHIARAZIONE DI VALERIA GERLI 

[...] Ha dichiarato Valeria Gerli, membro di giunta della Camera di commercio di Milano Monza Brianza Lodi: “Il turismo offre opportunità di lavoro a Milano e in Lombardia. Bisogna continuare a puntare sui grandi eventi e sulla qualità e la varietà dell’offerta. Non solo pubblico internazionale, occorre investire anche per richiamare i turisti italiani. In molti da tutte le regioni di Italia hanno già scoperto e apprezzato Milano come città d'arte, cultura e leisure e le mete in regione. Ora bisogna convincerli a tornare e soggiornare più a lungo a Milano e in Lombardia per approfondire e sperimentare tutte le offerte".

http://www.milomb.camcom.it/documents/10157/36084201/lavori-estivi-2018.pdf/0116c82c-9c5e-40d4-9fa4-6cfe5e2b881c


25/06/2018: ASSEMBLEA ELETTIVA GITEC - RINNOVATE LE CARICHE ASSOCIATIVE 2018-2022

VALERIA GERLI CONFERMATA PRESIDENTE ALL'UNANIMITA'

Oggi, 25 giugno 2018, a Palazzo Castiglioni si è svolta l’Assemblea elettiva per il rinnovo delle cariche associative dell’Associazione GITEC per il quadriennio 2018-2022. VALERIA GERLI è stata rieletta Presidente di GITEC all’unanimità.

Il nuovo Consiglio Direttivo di GITEC – Associazione Guide Italiane Turismo e Cultura, si amplia con due nuovi elementi in ragione della sua crescita numerica ed è così composto:

BISCOTTI  EMANUELA (conf.) - BOZZOLO  FIAMMA (conf.) - CALLEGARO  MICHELA (conf.) - CAVAGNA  DAVIDE (nuovo) - FUMAGALLI  ANNAMARIA (nuovo) - GOBBI  NADIA (conf.) - LO CONTE  DEBORA (conf.) - MIEDICO  CRISTINA (conf.) - MIURA  MASAKO (conf.) - NUZZI  SARA (conf.) - RONCONI  MARTA (conf.)


12/06/2018: "BRERA NEL FUTURO", incontro chiacchierata con James Bradburne

Il Direttore Generale della Pinacoteca di Brera, James Bradburne, è stato ospite di Confcommercio e di GITEC ed ha illustrato la valenza culturale e 
turistica dei progetti e dei cambiamenti che stanno interessando Brera. L'incontro è stato vivace e ricco di informazioni utili per le guide turistiche e per i rappresentanti delle altre categorie presenti. 

16/04/2018: Guide turistiche sempre gratis nei musei civici, anche grazie a GITEC !

Guide turistiche sempre gratis nei musei civici, anche grazie a GITEC ! 

E’ l’effetto della delibera approvata ieri in Consiglio comunale con la quale viene definito finalmente in modo chiaro il regime delle tariffe ed i soggetti che possono accedere gratuitamente ai Musei civici. Tra questi, anche le 
 
"- guide turistiche dell'Unione europea munite di licenza/tesserino di riconoscimento;
- interpreti turistici dell'Unione europea quando occorra la loro opera a fianco della guida [...]
 
D’ora in poi alle guide abilitate  basterà esibire il proprio tesserino di riconoscimento per accedere alle strutture museali civiche milanesi.
Con l’approvazione di questa delibera, il Comune di Milano fa scuola e adegua la normativa degli ingressi a quanto già previsto a livello nazionale dal MIBACT, ma difficilmente applicato sul territorio nazionale.
Anche a seguito delle segnalazioni ricevute da alcuni associati circa la richiesta di pagamento dell’ingresso alle guide senza gruppo al seguito, GITEC si è subito mossa dialogando con l’Assessorato e con Alice Arienta, guida associata e consigliere comunale.
Siamo così riusciti ad ottenere questo ottimo risultato per la categoria!

10/03/2018: visita guidata a Palazzo Castiglioni e alla Mostra su "ROSA GENONI"

Il Liberty di Palazzo Castiglioni e la mostra all'Archivio di Stato su Rosa Genoni. Sabato 10 marzo visita con guida turistica di Gitec 
       

Presso l'Archivio di Stato di Milano (Palazzo del Senato, via Senato 10) è in corso la mostra "Rosa Genoni 1867-1954 - Una donna alla conquista del '900 per la moda, l'insegnamento, la pace e l'emancipazione". L'esposizione è ideata e curata da Elisabetta Invernici con il contributo della nipote-biografa di Rosa Genoni Raffaella Podreider (allestimento Fulvia Premoli). E Gitec, l'Associazione delle guide turistiche di Confcommercio Milano promuove una visita guidata - sabato 10 marzo - con un itinerario che lega la visita alla mostra di Rosa Genoni alla scoperta del Liberty di Palazzo Castiglioni (corso Venezia 47), sede della Confcommercio milanese che patrocina l'iniziativa di Gitec e ha ospitato nel 2015, anno di Expo, la prima esposizione dedicata a Rosa Genoni. La visita con le guide di Gitec (minimo 6 partecipanti) costa 12 euro.

Il percorso parte alle 10 da Palazzo Castiglioni. Info allo 027750851. Prenotazione per email: gitec@unione.milano.it

 


19/02-19/3/2018: CORSO DI FORMAZIONE PER GUIDE TURISTICHE già abilitate. A Milano. Organizzato da ConfGuide-GITEC e Regione Lombardia/Cultura 

Lunedì 19 febbraio prima giornata del Corso di Formazione per le GUIDE TURISTICHE OPERANTI IN LOMBARDIA.

Nato da un accordo di collaborazione sottoscritto da ConfGuide-GITEC (Associazione Guide Italiane Turismo e Cultura) e REGIONE LOMBARDIA – Direzione Generale Culture, Identità e Autonomie (con l’adesione di Confcommercio Lombardia), il corso intende fornire strumenti culturali utili e aggiornati alle guide professioniste per poter esercitare nel territorio regionale della Lombardia, valorizzandone lo straordinario patrimonio storico, artistico, monumentale e culturale. 
 
Con questa iniziativa, fortemente voluta da GITEC-Confcommercio, finalmente si uniscono in un solo progetto il Turismo e la Cultura e si concretizza una alleanza strategica tra Guide Professioniste e Regione Lombardia che mette al centro la conoscenza e l'aggiornamento delle competenze con l'obiettivo di una crescita del turismo in Lombardia che punti alla qualità insieme alla quantità. 
 
Sono previsti due cicli di incontri:
 
· il primo: 5 date, dal 19/2 al 19/3
· il secondo: 6 date, tra ottobre e dicembre 2018. 
 
Come potete leggere dal programma, il primo ciclo formativo si articola in 5 giornate (19-26 febbraio, 5-12-19 marzo 2018) ed è previsto un piccolo costo di partecipazione (Euro 30,00+IVA per i soci, Euro 50,00+IVA per i non soci). 
 
La partecipazione va richiesta a GITEC (gitec@unione.milano.it) il MODULO DI ADESIONE.
 
Dopo la ricezione del modulo, Promoter invia agli interessati la relativa fattura per provvedere al pagamento del costo di partecipazione.  I posti sono limitati.
 

10/01/2018 COMUNICATO CONFGUIDE: "GUIDE TURISTICHE, SI' ALLA TUTELA DELLA QUALITA', NO ALLA CONFUSIONE" 

GITEC E CONFGUIDE SI DISSOCIANO DALLA MANIFESTAZIONE DI PROTESTA DEL 9/1/2018 A ROMA

Confguide, l’associazione di categoria delle guide turistiche di Confcommercio, si dichiara estranea alla manifestazione di protesta davanti alla sede del MIBACT, svoltasi ieri 9 gennaio 2018 per iniziativa solo di alcune associazioni, prevalentemente di livello locale.

Confguide da sempre sostiene che le norme debbano garantire in primis l’alta qualità delle competenze delle guide turistiche operanti oggi e nel futuro in Italia e si dissocia da qualsiasi iniziativa che generi strumentalmente ambiguità e confusione, anziché contribuire a risolvere una vicenda normativa complessa e delicata, con rischio di ulteriori danni per la categoria.

Facciamo chiarezza!

Confguide ha un dialogo continuo con il Ministero e le Regioni, ai quali puntualmente fa arrivare le proprie proposte e posizioni, fin dall’entrata in vigore della legge 97/2013, che non è più in alcun modo in discussione: le guide turistiche italiane possono operare sull’intero territorio nazionale e nei paesi membri della UE, salvo limitazioni specifiche previste da ciascuno stato (non ancora in Italia) per alcuni siti di particolare interesse storico-artistico.

Dal 2013 restano aperte due questioni:

1) disciplinare l’accesso alla professione di guida turistica, già “nazionale” in virtù della legge 97/2013. Tale disciplina, qualsiasi sarà la sua forma normativa (Intesa Stato-Regioni, Decreto Ministeriale attuativo del comma 1 dell’art. 3 della legge 97/2013 o altre), riguarda le guide future e in nessun modo le guide già abilitate.

2) individuare i siti di particolare interesse storico-artistico-culturale per i quali occorre una specifica abilitazione.

Per quanto riguarda il punto 1, oggetto dell’Intesa Stato-Regioni ieri contestata, Confguide con altre associazioni di categoria (tra cui le stesse manifestanti) ha partecipato a novembre scorso ad un confronto con le Istituzioni competenti, ha fatto avere a Ministero e Regioni la propria posizione, ha ripetutamente espresso nelle forme e nei modi ritenuti più efficaci la propria disapprovazione su alcuni punti chiave del testo noto in bozza, ha chiesto e ribadisce ora l’individuazione di standard professionali a garanzia della qualità, in particolare:

·         la laurea in materie specifiche come unico requisito di accesso alla professione

·         bandi, esami e commissioni pubblici ed uniformi sull’intero territorio nazionale.

·         esami che prevedano prova scritta a tema, prova orale che accerti le competenze linguistiche della lingua italiana per i candidati stranieri e della lingua straniera per i candidati italiani.

·         no a corsi privati abilitanti

·         sì a tirocini e corsi di aggiornamento post abilitazione per garantire la qualità nel tempo

Per quanto riguarda il punto 2, il tentativo normativo fatto dal Ministero, che accoglieva le richieste proprio di chi ieri protestava, è stato giustamente cassato dal Tar del Lazio e dal Consiglio di Stato nel 2017, per l’eccessivo numero di siti individuati, un numero tanto spropositato che avrebbe di fatto inficiato la valenza nazionale della abilitazione e creato ostacoli proprio alle guide già abilitate!

Dal 2013 Confguide sostiene l’urgenza e la necessità di individuare pochi siti (una decina in tutta Italia), tra quelli che attraggono il maggior numero di turisti e visitatori, come è nei principali altri stati comunitari, per assicurare poi un efficace e puntuale controllo (il Ministero ha appena pubblicato i numeri degli ingressi per il 2017, da cui a nostro parere partire).

Confguide, infine, nel ribadire che il riconoscimento dell’alto valore culturale dell’attività di guida turistica deve partire da una migliore definizione (la guida non “accompagna nelle visite”, ma illustra, spiega, mostra, divulga, valorizza l’intero patrimonio storico-artistico-archeologico-monumentale-paesaggistico-enogastronomico e di tradizioni d’Italia), chiede un riordino complessivo e sistematico dell’intera disciplina che norma le figure professionali legate al turismo e alla cultura.


27/12/2017 - normativa "guida nazionale": rinvio Intesa Stato-Regioni. 

RINVIO OTTENUTO ANCHE GRAZIE ALL'IMPEGNO DI GITEC E CONFGUIDE

Vi informiamo che, anche grazie all'azione sindacale svolta da Gitec a livello regionale e da ConfGuide a livello nazionale con il Ministero e con il Coordinamento delle Regioni, la Conferenza Stato-Regioni del 21/12/2017 ha rinviato l'Intesa sulla "Disciplina degli standard professionali e formativi di guida turistica e per la definizione di modalità uniformi, contenuti e programmi per l'espletamento dei corsi di formazione e dell'esame di abilitazione all'esercizio dell'attività di guida turistica valida su tutto il territorio nazionale".

Come esposto dalla presidente Valeria durante l'Assemblea dei soci Gitec dell'11 dicembre, il testo, che riguarda le "future guide", non ci soddisfaceva in molti dei suoi punti, ma fondamentalmente per il suo effetto di apertura indiscriminata e dequalificante della professione di guida turistica.
 
Siamo fiduciosi che a questo punto, considerato il "ripensamento" del Ministro, vengano recepite le nostre proposte a sostegno di una vera riqualificazione della figura professionale e contro il proliferare di corsi illegittimi e dannosi (visione pienamente condivisa da Regione Lombardia), sperando che anche le altre sigle sindacali convergano sulla nostra posizione, rafforzandola.
 
Come sempre, Gitec e ConfGuide continueranno nella loro attività puntuale di tutela e valorizzazione della professione presso le Istituzioni, a tutti i livelli.

Vi terremo informati.


22/11/2017 - la posizione di ConfGuide nazionale espressa nella riunione del 15 novembre a Roma in occasione dell'audizione con il Coordinamento Turismo delle regioni

ALLA RICERCA DELLA QUALITA’: PER CONFGUIDE, TUTTE LAUREATE LE NUOVE GUIDE TURISTICHE

Questa la posizione espressa da CONFGUIDE in occasione dell’audizione delle associazioni di categoria delle guide turistiche che si è tenuta lo scorso 15 novembre a Roma da parte della Commissione interregionale Turismo.

Era infatti in discussione lo schema di intesa sugli standard professionali e formativi di guida turistica e per la definizione di modalità uniformi, contenuti e programmi per l’espletamento dei corsi di formazione e dell’esame di abilitazione all’esercizio dell’attività di guida turistica.

Il presupposto da cui partire è che la guida turistica, attraverso la sua professione, mostra, illustra, spiega e divulga a turisti/visitatori, singoli/organizzati, italiani/stranieri, il patrimonio storico-artistico-archeologico-ecclesiastico-monumentale-enogastronomico-paesaggistico-tradizionale dell’Italia.

Pertanto la definizioneaccompagna nelle visite” contenuta nella bozza risulta riduttiva, fuorviante, svilente.

Il ruolo della guida è proattivo e di valorizzazione rispetto a ciò che si visita. La stessa definizione professionale “guida turistica” andrebbe riqualificata e rivista in modo da associare con immediatezza turismo e cultura (“guida turistico-culturale”).

Per CONFGUIDE la nuova normativa che disciplinerà la professione deve:

- puntare verso l’alto, verso una qualificazione della professione aggiornata con le esigenze, le richieste, il quadro reale;

- garantire la qualità, la competenza, la professionalità, la preparazione delle future guide turistiche che opereranno in Italia, a tutela degli utenti e dell’immagine stessa del Paese;

- garantire che le guide turistiche, abilitate secondo le regole previste dalla stessa, siano in grado di mostrare, illustrare, spiegare e divulgare il patrimonio culturale italiano correttamente, a tutto tondo e nel migliore dei modi.

Per CONFGUIDE i punti fondamentali devono essere:

·         Unico requisito formativo di accesso alla professione (titolo di studio): LAUREA IN MATERIE SPECIFICHE (lettere -storia, storia dell’arte, archeologia-, beni culturali, architettura)

·         Esame scritto a tema o risposte aperte (no quiz a risposte multiple)

·         Esame orale nella lingua straniera per cui ci si candida (per gli stranieri italiano obbligatorio), livello C2

·         Prova tecnico-pratica

·         Nessuna scorciatoia attraverso corsi propedeutici per nessuno: eliminare quanto previsto per gli accompagnatori turistici. No corsi per diplomati: non si possono equiparare enti formativi alle Università. Le guide turistiche dovranno essere tutte laureate in materie specifiche (come già ad oggi spesso sono, pur non essendo stata nel passato la laurea un requisito obbligatorio).

·         Prevedere piuttosto corsi successivi al superamento dell’esame, obbligatori e finalizzati a fornire competenze professionali specifiche e non contenuti culturali.

·         Eventuali corsi propedeutici di almeno 800 ore, solo per candidati in possesso del diploma di laurea specifica

·         Commissione d’esame: deve essere presente un rappresentante di Associazione di categoria.

·         Sede esame: pubblica

CONFGUIDE ha chiarito nell’occasione, una volta per tutte, che le guide turistiche italiane già abilitate sono già guide nazionali e “specialistiche”, in virtù della legge 97/2013, e che non devono essere sottoposte ad ulteriori esami. Non ci può essere infatti retroattività a danno di professionisti che lavorano da tempo e dopo quattro anni dall’entrata in vigore della legge 97, durante i quali le guide turistiche professioniste hanno potuto spiegare senza limitazioni in tutti i luoghi e siti d’Italia, aggiornando a proprie spese le proprie competenze e conoscenze.

Un passaggio, infine, è stato fatto anche riguardo all’”ABILITAZIONE SPECIFICA” (legge 97/2013, art. 3, comma 3). CONFGUIDE ha ribadito quanto da sempre sostenuto: i siti dovranno essere numericamente pochi (poche decine in tutta Italia), controllabili e controllati, individuati secondo il principio dell’attrattività turistica, come fatto nei principali altri stati comunitari. Prevedere il conseguimento dell’abilitazione specifica in una unica soluzione per tutti i siti, senza ripartizioni territoriali/regionali. Con formazione obbligatoria, da parte degli enti gestori dei siti, per le guide candidate all’abilitazione specifica.

Nell’audizione è emersa l’esigenza, condivisa, di una legge complessiva di riordino delle professioni turistiche.

A seguito dell’audizione delle associazioni, il Coordinamento interregionale provvederà a informare le regioni di quanto emerso per definire un nuovo schema di intesa che potrebbe essere valutato nella prossima Conferenza Stato – Regioni.

Già da tempo CONFGUIDE ha anche chiesto l’adozione di alcuni provvedimenti, iniziative pratiche e di costo limitato (se non nullo) che porterebbero immediato giovamento al sistema dei controlli e al lavoro delle guide turistiche:

1) realizzare l’elenco nazionale delle guide turistiche abilitate, nel quale siano riportati i contatti del professionista e le lingue straniere di esercizio dell'attività. L'elenco dovrebbe essere sempre aggiornato e consultabile on-line sui siti istituzionali di Ministero, Regioni, Province e Comuni, preferibilmente nelle pagine di promozione turistica.

2) adottare un tesserino unico nazionale, uguale in tutta Italia, eventualmente rilasciato dalle vecchie province/regioni di abilitazione, preferibilmente anche in forma di badge elettronico.

Potrebbe essere uno strumento risolutivo per facilitare il riconoscimento ed incrementare i controlli a contrasto del dilagante abusivismo;

3) inviare una circolare ministeriale a tutti i musei, siti archeologici e luoghi della cultura censiti dal Ministero nella quale esplicitare con chiarezza che tutte le guide turistiche abilitate italiane possono accedere in tali siti con i loro clienti.

4) informare le regioni e gli organizzatori di corsi di formazione per guida turistica della necessità di sospendere l’attività formativa fino a quando non ci sarà l'intesa sulle regole ed i requisiti per il conseguimento delle nuove abilitazioni all’esercizio della professione di guida turistica.

5) Assicurazione RC terzi obbligatoria per l’esercizio della professione.  


8/11/2017 - Firmato accordo di collaborazione tra Comune di Milano e GITEC-Guide turistiche

Si tratta di un importantissimo risultato politico-sindacale frutto dell'impegno costante di GITEC e che approfondiremo nella prossima assemblea di dicembre.

L'accordo vede il riconoscimento da parte dell'Amministrazione pubblica del ruolo e del lavoro che le guide turistiche svolgono professionalmente per la divulgazione e la valorizzazione del patrimonio turistico e culturale della città.

Si tratta di un accordo pilota, innovativo e moderno nella sua concezione, che riconosce alle guide turistiche la capacità, grazie alla loro professionalità ed alla qualità del loro servizio, di rendere la gestione del turismo sempre più strategica ed efficiente.

L’accordo con GITEC dà grande importanza agli aspetti valoriali del turismo, all'aggiornamento delle competenze delle guide e alla formazione di tutte le risorse umane turistiche della città. Il riconoscimento e la valorizzazione del ruolo e della professionalità della guida turistica è per GITEC molto importante anche per contrastare il fenomeno dell’abusivismo in preoccupante crescita a danno non soltanto delle guide turistiche, ma in generale dell’immagine di Milano. 

Il comunicato stampa con le dichiarazioni dell'Assessore al Turismo Guaineri e di Valeria Gerli è reperibile sul sito del Comune di Milano (https://goo.gl/TMp6oB) e sul sito di Confcommercio Milano, Lodi, Monza e Brianza (https://goo.gl/JczYUP).


 

20-22 ottobre 2017: “Sommaruga e il Liberty Svelato” la tre-giorni di Confcommercio Milano per scoprire Palazzo Castiglioni (corso Venezia 47) - Con le guide turistiche e culturali di GITEC

Percorso aperto alla città per celebrare l’architetto Giuseppe Sommaruga - Venerdì 20 ottobre il convegno “Sommaruga e il Liberty Spiegato” - Sabato 21 e domenica 22 ottobre “Undiscovered Castiglioni”: con GITEC, l’Associazione delle guide turistiche, due giorni di visite guidate gratuite (registrandosi) di Palazzo Castiglioni: con ambienti, racconto, filmati, oggetti originali, foto d’epoca e una mostra monografica sulle imprese storiche negli edifici Liberty di Milano.  A questo link maggiori informazioni.

 


                                                                                                                                                                                                                 

COMUNICATO STAMPA

Confguide Confcommercio: chiarezza dalla sentenza del Consiglio di Stato

Ha prevalso il buon senso. Mibact riveda in tempi brevi la normativa sulle guide turistiche

Roma 3 agosto 2017. La guida turistica può esercitare sull’intero territorio nazionale: senza limitazioni. E’ la conseguenza immediata della sentenza del Consiglio di Stato che ha cassato i decreti ministeriali sull’abilitazione specifica delle guide per siti e con criteri territoriali. “Una sentenza che fa chiarezza e conferma le nostre previsioni – commenta Paola Migliosi, presidente di Confguide Confcommercio- indicando linee guida che coincidono con quelle alle quali dal 2013 Confguide si è ispirata nelle sue proposte normative al Mibact (Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo)”.

Una sentenza – aggiunge Valeria Gerli, vicepresidente vicaria di Confguide e presidente di Gitec (l’associazione aderente alla Confcommercio milanese) – che fissa un percorso di buon senso: è giusto, ad esempio, avere un elenco dei siti protetti, ma devono essere pochi e controllabili per un serio contrasto all’abusivismo. I paletti territoriali e le complicate procedure di abilitazione specifica, che sono stati ‘smantellati’ dal Consiglio di Stato, non avrebbero tutelato con efficacia le guide turistiche italiane”.

Confguide Confcommercio punta a nuova fase d’ascolto e di confronto con il Ministero. Il Mibact riveda i decreti tenendo conto delle indicazioni del Consiglio di Stato e si superino gli squilibri regionali che danneggiano l’operatività delle guide turistiche: “occorrono tempi brevi – conclude Paola Balestra, vicepresidente di Confguideperché la situazione di incertezza che ha fortemente caratterizzato il quadro normativo degli ultimi anni danneggia i professionisti, gli utenti e gli stessi beni monumentali storico-artistici”.

 


 

3/4/2017 - Il convegno Confguide "Guide turistiche e le nuove sfide del mercato internazionale. Vecchie e nuove competenze per un turismo culturale di successo".

Organizzato da ConfGuide, la Federazione nazionale delle guide turistiche di Confcommercio, il convegno si è tenuto a Milano, nell'ambito della BIT-Fiera Internazionale del turismo. L'iniziativa ha visto l'interessata partecipazione di un pubblico numeroso, composto da molte professioniste, aspiranti guide ed anche imprese di servizi che ruotano attorno al Turismo ed alla Cultura. E' infatti sempre crescente l'attenzione verso questa figura professionale che di fatto completa la filiera turistica dando un apporto non più ancillare (Sottosanti, FTO) ma determinante per conquistare i visitatori, suscitare il loro apprezzamento, dare ad una vacanza un sapore particolare di cui conservare il ricordo e desiderare occasioni di approfondimenti e nuova conoscenza. La guida riesce a trasmettere con competenza, preparazione, professionalità e passione la bellezza e la ricchezza di un luogo, la cultura architettonica, monumentale, ma anche enogastronomica di cui l'Italia è ricca. Un patrimonio legato al buon cibo ed all'accoglienza di cui gli operatori italiani sono ricchi e che mettono a disposizione delle guide affinché lo diffondano e lo facciano conoscere ai propri clienti (Cursano, FIPE). E' il senso dell'innovativo Progetto congiunto realizzato da FIPE e CONFGUIDE per formare le guide turistiche abilitate di Confcommercio sulle competenze enogastronomiche territoriali, nel quale gli operatori della ristorazione ed esperti del settore trasmettono competenze specifiche sui prodotti della tradizione alle guide e queste ultime li fanno propri unendoli alle conoscenze architettoniche, culturali e monumentali di quel territorio. L'unione e la combinazione sapiente di questi fattori produce itinerari speciali e unici, a tutto vantaggio dei visitatori e della filiera che esprime ConfTurismo (Migliosi, CONFGUIDE). Il mercato nazionale e internazionale legato ai viaggi ed al movimento turistico è stato oggetto delle considerazioni di Alberto Corti (Responsabile del settore Turismo di Confcommercio), che ha moderato l'incontro ed ha fatto riferimento al nuovo Piano strategico di sviluppo del Turismo recentemente approvato dal Governo. I servizi al turista sono sempre meno intermediati (Luciano Sbraga, Ufficio Studi FIPE) e devono essere ripensati ed arricchiti per farli diventare accattivanti per il turista, che vuole vivere esperienze nuove e da ricordare. Il corso di formazione per le guide turistiche promosso da Fipe e ConfGuide dimostra che questa è la strada da seguire per incentivare la permanenza sul territorio e coinvolgere gli esercizi commerciali in modo nuovo. Anna Rita Fioroni (Confcommercio Professioni), ha illustrato quanto si sta facendo a livello normativo per tutelare la figura del lavoratore autonomo. Il progetto di legge approvato dalla Camera ed ora al Senato prevede spese deducibili per la formazione, tutele per la maternità, il contenimento dell'aliquota della tassazione separata, tempi certi per il pagamento delle fatture, la possibilità di costituire reti tra professionisti ed imprese, la possibilità di accedere a bandi e fondi e appalti europei.

Valeria Gerli (CONFGUIDE-GITEC) ha tirato le fila del convegno ricordando le parole del Presidente di Confturismo Patanè alla recente Convention Confcommercio di Cernobbio e l'intervento del Ministro Franceschini al G7 di Firenze. Il Turismo, anche culturale, è una risorsa strategica e fondamentale per il nostro Paese. La ricerca di Confturismo fa emergere che aumentano considerevolmente le presenze di turisti nei piccoli borghi italiani anche se cala il valore della spesa e si accorcia la permanenza in giorni. Si deve e si può lavorare ancor di più sulla promozione dei siti minori che restano strettamente legati sul potere di attrazione che le grandi Città esercitano sul turismo. In questo le guide turistiche possono svolgere un ruolo determinante per far conoscere le bellezze della nostra nazione, soprattutto indirizzando i flussi turistici verso siti meno conosciuti ma non per questo meno interessanti e coinvolgenti. Ma anche fare in modo che i turisti tornino ad approfondire la conoscenza dei luoghi o che consiglino ad altri quell'esperienza. Confguide è certa che quella della "specializzazione" sia la strada giusta da percorrere per le guide del futuro, acquisendo nuove conoscenze e competenze per meglio rispondere alle mutate richieste dei visitatori. L'enogastronomia, ad esempio, che è uno dei motori indiscussi del turismo in Italia, non può oggi non entrare a far parte del repertorio di conoscenze che una guida aggiornata e pronta alle sfide deve avere.

Grande apprezzamento, in conclusione, hanno espresso le guide di GITEC per il corso pilota che si è tenuto tra gennaio e febbraio 2017 a Milano con la collaborazione del CAPAC: 32 guide turistiche sono state formate sulla tradizione enogastronomica lombarda e già a maggio, con la Fiera TuttoFood2017 di Milano, potranno mettere a disposizione del pubblico nuovi itinerari di visite guidate… dal sapore nuovo.

04 aprile 2017

 


 

 

3/4/2017: A BIT2017 - Sportello di ascolto guide turistiche presso Stand ConfTurismo

Padiglione 4 (A37-A41, B36-B42) di BIT2017
 
Paola Balestra, Vice Presidente nazionale di ConfGuide, risponderà a domande e dubbi, darà consigli alle guide turistiche associate o non socie di Confguide
Il servizio sarà operativo per l’intera giornata del 3 Aprile 2017 !!!
 

 

23/3/2017: Confguide: Professionalità delle guide fuori discussione. Bene che anche il FAI lo riconosca.

Confguide, la Federazione nazionale delle Guide Turistiche di Confcommercio prende atto delle parole con cui il prof. Andrea Carandini, presidente del FAI (Fondo Ambiente Italiano), ha chiarito la sua precedente affermazione: chi ama e conosce il patrimonio archeologico e artistico italiano non può non apprezzare la competenza e la partecipazione con cui le guide turistiche svolgono la loro professione e comprendere il ruolo fondamentale che esse hanno nella promozione della cultura.

CONFGUIDE si batte, per valorizzare la figura professionale della guida turistica, che alla passione unisce competenze, conoscenze e capacità specifiche e trasversali.

Secondo l’indagine nazionale promossa da CONFGUIDE nel 2015, circa l’85% delle guide ha un diploma di laurea, prevalentemente in materie storico-artistiche o archeologiche. Attraverso studio e aggiornamento continuo, capacità di comunicare con differenti tipologie di visitatori e costruire/proporre itinerari diversi e nuovi, la guida turistica professionista con il suo lavoro promuove e valorizza il patrimonio culturale italiano in tutti i suoi aspetti, dai monumenti alle tradizioni enogastronomiche, e trasforma la visita guidata in un’esperienza emozionante, piacevole e istruttiva, da suggerire e da ripetere.

Non può e non deve quindi esistere concorrenza tra guide turistiche e volontari. Entrambi si spendono per la promozione della cultura, ma con ruoli, abilità, impegno, efficacia e mezzi differenti: per professione e con riconosciuta professionalità e qualità le guide, come “generosi collaboratori saltuari” i volontari.

Per approfondire la riflessione sul ruolo giocato dalle guide turistiche italiane, il cui lavoro, come riconosce anche il presidente del FAI, non è adeguatamente valorizzato e tutelato (specie a livello normativo), CONFGUIDE organizza in occasione della BIT a Milano, lunedì 3 aprile, il convegno “Le Guide Turistiche e le nuove sfide del mercato internazionale. Vecchie e nuove competenze per un turismo culturale di successo”.

 


 

20/2/2017: Le guide turistiche della Lombardia diventano regionali

ConfGuide-GITEC è felice di informare i suoi associati che, grazie ai suoi sforzi, l’abilitazione all’esercizio della professione di guida turistica, in previsione dell’avviso per il rilascio dell’abilitazione specifica per i siti, è stata estesa definitivamente a livello REGIONALE.

Per primi in Italia, in Lombardia abbiamo superato definitivamente i limiti provinciali, entro i quali si rischiava di tornare!

Un importantissimo obiettivo che, grazie al lavoro della nostra Associazione, al supporto di Confcommercio e al sostegno dei nostri associati, è stato conseguito ieri con l’approvazione della specifica Delibera da parte della Giunta regionale lombarda.

Tale provvedimento permetterà a tutte le guide già abilitate in una qualsiasi provincia lombarda di accedere al primo avviso previsto dalle “Linee di indirizzo per l’interpretazione dell’art. 8 del DM 565/2015” per il rilascio dell’abilitazione specifica per i siti dell’intera regione. Come ampiamente esaminato durante l'Assemblea dello scorso 13 febbraio, il primo avviso (bando), attraverso l’assegnazione di punteggi alti a titoli ed esperienza, permetterà a tutti di raggiungere il minimo di 70 punti previsto per il rilascio dell’abilitazione specifica.

Con la stessa Delibera viene stabilito di demandare alle Province ed alla Città Metropolitana di Milano l’emanazione, entro il mese di marzo, dei due avvisi riservati alle guide già abilitate. Le Province e la Città Metropolitana emaneranno gli avvisi, l’abilitazione specifica sarà valida per i siti di tutta la regione. 

Non appena saranno emanati gli avvisi (entro il 12 marzo, secondo il DM, ma siamo ancora in attesa del pronunciamento del TAR del Lazio), ConfGuide-GITEC supporterà e assisterà tutte le guide associate in questa importante incombenza amministrativa, predisponendo un apposito servizio informativo e di assistenza.

 


 

11/2/2016: BIT 2016 - CONFTURISMO e CONFGUIDE hanno presentato la "PRIMA INDAGINE NAZIONALE SULLE GUIDE TURISTICHE IN ITALIA: Identikit e valore aggiunto di una professione chiave per il turismo e la cultura" 

Gitec, con la Presidente Gerli, è stata tra i relatori del Convegno organizzato da Confturismo e ConfGuide. 

L'evento ha avuto un grande riscontro di presenze e mediatico, anche per la presenza del dr. Tapinassi, funzionario del MIBACT.

A questo link l'articolo su "Confcommercio online" ed il video:

http://www.confcommercio.it/-/guida-turistica-anello-di-congiunzione-tra-turismo-e-cultura

 


 

Presentazione della XXI ESPOSIZIONE INTERNAZIONALE DELLA TRIENNALE DI MILANO

Milano, 17 febbraio 2016, Palazzo Castiglioni, Sala Turismo, ore 17:00 - 18:30

Presentazione alle guide associate a cura del Sig. Andrea Cancellato, Direttore Generale e Mombro del Comitato Scientifico della XXI Esposizione Internazionale

 


 

ASSEMBLEA ANNUALE DEGLI ASSOCIATI

Milano, 19 gennaio 2016, Palazzo Castiglioni, Sala Turismo, ore 14:00 - 16:30

1. Report attività ConfGuide-Gitec nel 2015
2. Intervento dei Presidenti di APAM (Associazione Provinciale Albergatori Milano) e FIAVET Lombardia (Federazione Italiana Associazioni Imprese Viaggi e Turismo). -  Presentazione del database di ConfGuide-Gitec
3. Decreto Ministeriale: stato della questione
4. Formazione e aggiornamento
5. BIT 2016: partecipazione ConfGuide 
6. Presentazione attività Gitec a nuove guide 
 
La partecipazione è riservata agli associati ed alle guide turistiche non associate invitate dalla Segreteria.
 

 

Per le Guide turistiche abilitate con l'ultimo bando di Città Metropolitana di Milano tutti i servizi di ConfGuide-Gitec. Se ne parla il 9/6/2015 a Milano

La nostra Segreteria è a disposizione per dare ogni informazione utile all'orientamento formativo, professionale e normativo delle guide di recente abilitazione. Info: gitec@unione.milano.it - tel. 027750851.

Martedi mattina, 9/6/2015, presso la Sala Turismo di Unione Confcommercio in Corso Venezia 47 a Milano (MM1 Palestro), è organizzato un incontro informativo e di orientamento aperto alle guide neo-abilitate che desiderano avere informazioni su come avviare la propria attività professionale.
 
Inizio alle 10:00 e probabile termine alle 12:30 - 13:00. Verranno trattati i seguenti argomenti:
 
- La situazione normativa - Implicazioni fiscali e amministrative della professione - Come farsi conoscere ed effettuare servizi di visite guidate - Il ruolo di ConfGuide-Gitec ed i vantaggi per chi aderisce all'Associazione - Expo2015: opportunità di lavoro e convenzione riservata ai soci per l'acquisto di biglietti scontati.
 
L'incontro è condotto da Valeria Gerli, Presidente di ConfGuide-Gitec, assistita da Massimo Loiacono, segretario. La partecipazione è GRATUITA.
 
Gli interessati sono pregati di inviare a ConfGuide-Gitec una email di partecipazione all'indirizzo: gitec@unione.milano.it con i seguenti dati:
 
La sottoscritta (Cognome e Nome) ............................................., nata a  ..................................... il .................., residente a .................... in via ........................, città ............................................................., tel .......................... CF ................................, P. IVA .........................................................., email ............................................................
 
chiede di poter partecipare all'incontro del 9/6/2015 presso la Sala Turismo di Unione Confcommercio in Corso Venezia 47 a Milano (MM1 Palestro), dalle 10:00 alle 13:00, organizzato da ConfGuuide-Gitec.  I dati personali forniti saranno utilizzati da ConfGuide-Gitec esclusivamente per inviare informazioni sull'attività dell'Associazione. In ogni momento sarà possibile chiedere la cancellazione dei propri dati.
 

 

3/2/2015 - Valeria Gerli (GITEC) nominata vice-presidente vicaria di ConfGuide, Associazione Nazionale Guide Turistiche aderente a Confcommercio 

COMUNICATO STAMPA askanews (3/2/2015)

Confcommercio: Maria Paola Migliosi presidente di ConfGuide Eletta la giunta dell'associazione Roma, 3 feb. (askanews) 

Il consiglio generale di ConfGuide (Associazione Nazionale Guide Turistiche) ha eletto, per il quinquennio 2015-2020, alla presidenza Maria Paola Migliosi e la giunta dell'associazione.

La giunta, riunitasi immediatamente, su proposta della Presidente Migliosi, ha eletto vice presidente vicario Valeria Gerli e Paola Balestra alla vice presidenza.

In rappresentanza delle Associazioni delle Guide di Bari, Bologna, Firenze, Genova, Livorno, Milano, Perugia e Pisa sono stati anche eletti in Giunta rispettivamente Pietro Palermo, Marco Pellati, Ursula Pareti, Simona Fanelli e Silvia Piccini.
--------------------
Fanno parte del Consiglio Generale di ConfGuide in rappresentanza di GITEC, oltre alla Presidente Gerli, Emanuela BISCOTTI (vice-presidente vicaria), Sara NUZZI, Michela CALLEGARO,Debora LO CONTE, Marta RONCONI, Nadia Silvia GOBBI (Consigliere). 
 

 

COMUNICATO STAMPA GITEC (31/05/2014)

Guide turistiche più “europee”

Per Gitec, l’Associazione milanese, la nuova norma è un’opportunità

Milano, 31 maggio 2014. Gitec, l’Associazione delle guide turistiche di Confcommercio Milano, non guarda con timore alla norma (art. 3 L. 97/2013, in vigore dallo scorso settembre) che consente alla guida turistica di operare sull’intero territorio nazionale e negli altri nei Paesi dell’Unione Europea senza limitazioni territoriali.

E’ un‘opportunità, non una minaccia – afferma Valeria Gerli, da poco eletta presidente di Gitecperché una guida turistica altamente professionale con competenze trasversali può così meglio garantire la qualità del servizio offerto e rispondere alle richieste dei visitatori/turisti, soddisfarle, e, non ultimo, ampliare il proprio mercato”.

Gitec guarda con forte interesse all’opportunità di Expo 2015. “Molte guide – spiega Valeria Gerlihanno aderito ai Club di Prodotto di Explora (la società per la promozione e la commercializzazione dell’offerta turistica lombarda che, assieme ad Expo 2015 Spa, ha come partner Camera di Commercio di Milano, Unioncamere Lombardia, Regione Lombardia). In vista di Expo dobbiamo accrescere il nostro impegno formativo avviato con l’organizzazione delle visite gratuite di aggiornamento professionale per le guide turistiche (a Milano già effettuate a Palazzo Reale, Museo del Duomo) e suggerire possibili soluzioni alle carenze che tuttora ci sono. A partire da un miglior sistema complessivo, a Milano, di informazione su accessibilità e viabilità”.

Vi sono poi – prosegue Valeria Gerliesigenze specifiche per valorizzare l’accoglienza turistica e facilitare il nostro lavoro: far scendere e risalire dai pullman i gruppi turistici nelle zone centrali della città; uniformare gli orari dei musei, anche quelli privati, e i biglietti d’ingresso; fare in modo che per Expo vengano impiegate guide turistiche abilitate la cui professionalità dà garanzia sia nelle informazioni per i visitatori sia nella capacità di gestire i flussi di persone”.  

LINK AL COMUNICATO

 


 

Posizione CONFTURISMO su Decreto Cultura e Turismo (22/5/2014)

  Scarica il Comunicato ConfTurismo del 22/5/2014

 


 

La posizione di GITEC sulla Guida nazionale (25/3/2014)

GITEC, l’Associazione Guide Turismo e Cultura di Unione Confcommercio Imprese per l’Italia di Milano, intende esprimere la propria posizione riguardo all’art.3 della legge “europea” 97/2013 che ha introdotto modifiche importanti inerenti la regolamentazione dell’attività delle guide turistiche.

Circa il comma 1 (“L'abilitazione alla professione di guida turistica e' valida su tutto il territorio nazionale…”), che estende l’ambito di attività a tutto il territorio italiano, riguardo al quale finora alcune rappresentanze di categoria hanno mostrato una certa contrarietà, GITEC crede che l’estensione territoriale all’ambito nazionale possa e debba essere trasformata in una opportunità dai risvolti positivi per le guide italiane. Infatti, la nuova norma, se opportunamente integrata con una legge organica sulla professione della guida turistica che uniformi le disparità esistenti tra Regione e Regione e Provincia e Provincia, potrebbe tradursi in un incremento di lavoro per i professionisti italiani attraverso la fidelizzazione dei clienti e l’attivazione di un sistema di rete e collaborazione, e potrebbe dare migliore visibilità e maggiore forza alla categoria delle guide italiane di fronte ai professionisti stranieri.

In previsione di portare avanti anche un dialogo attivo e propositivo con le Regioni, GITEC mette a disposizione l’esperienza delle sue guide per studiare in collaborazione con gli enti preposti le norme attuative e in particolare individuare le caratteristiche del nuovo esame di abilitazione alla professione.

GITEC si fa anche portavoce della necessità -manifestata dalle guide già abilitate- di essere informate con chiarezza dalle Pubbliche Amministrazioni competenti circa l’acquisito diritto ad esercitare la propria attività sull’intero territorio nazionale, a partire dall’entrata in vigore della nuova norma nel mese di settembre 2013.

Per i propri soci, GITEC sta già mettendo a punto un percorso interno di certificazione e aggiornamento delle competenze in chiave nazionale.

Per quanto riguarda il comma 2 (“i cittadini dell'Unione europea abilitati allo svolgimento dell'attivita' di guida turistica nell'ambito dell'ordinamento giuridico di un altro Stato membro operano in regime di libera prestazione dei servizi senza necessita' di alcuna autorizzazione ne' abilitazione”), confermiamo la nostra contrarietà a questa apertura indiscriminata ai professionisti stranieri, poiché, non esistendo un percorso di accesso alla professione né una regolamentazione della professione uniforme tra gli Stati membri, ciò arrecherebbe un danno ai professionisti italiani e a tutto il sistema turistico italiano con una conseguente diminuzione del PIL. In questo senso, chiediamo vengano poste in atto tutte le iniziative per garantire il livello di servizio e qualità reso al cliente/consumatore e l’uniformità/reciprocità di trattamento e di requisiti formativi.

Anche riguardo al comma 3, GITEC ritiene necessaria una preventiva riflessione comune sull’utilità di un’eventuale lista dei “siti di particolare interesse storico, artistico o archeologico”, e su quale potrebbe essere la forma e la natura della “specifica abilitazione” citata.

In sintesi, GITEC crede che occorra uscire dall’ipocrisia di limiti territoriali scarsamente rispettati e spesso elusi dai clienti (e dagli stessi operatori). Costruire la cornice nella quale far muovere la Guida moderna è il dovere di una Associazione di categoria al passo con i tempi che sappia guardare con occhi nuovi e guidare i professionisti in una Società profondamente e rapidamente cambiata. Una Società nella quale la libera circolazione dei lavoratori in Europa è già una realtà e quella dei professionisti è molto prossima e temporalmente già programmata dalla Comunità Europea.


 

CAMPAGNA ENIT 2014: il materiale comunicazionale è liberamente utilizzabile

Lo scorso 14/3/2014 è stata presentata la nuova campagna stampa e video con la quale ENIT andrà ad “impattare” sui principali mercati europei di origine dei nostri flussi turistici incoming.

La campagna è caratterizzata da alcuni elementi decisamente innovativi ed apprezzabili. Il primo è la forte “presenza umana” nel messaggio pubblicitario. Sia nel video – disponibile in una versione base di 3 minuti ed una condensata di 30 secondi – che nei soggetti selezionati per la pubblicità su carta stampata, piazze, monumenti, panorami e sito italiani di forte appeal sono ripresi con al centro persone qualunque, trasmettendo quindi l’immagine di un’Italia accessibile, non irraggiungibile. Il secondo è la scelta deliberata di non tutelare la compagna con alcun diritto di copyright. In pratica quindi tutto il materiale che la costituisce è liberamente scaricabile dagli utenti ed utilizzabile nell’ambito di proprie campagne ed attività promozionali. Gli associati possono pertanto scaricare le immagini e stamparle su propri cataloghi o riportarle su propri siti, oppure ancora possono utilizzare una delle due versioni di filmato e proiettarle liberamente nel corso di proprie presentazioni, partecipazioni a fiere o workshop ecc..

Il materiale nel suo complesso è disponibile sul sito www.confcommercio.it, sulla homepage, al seguente link http://www.confcommercio.it/-/enit-al-via-la-campagna-pubblicitaria-made-in-italy . Presto lo sarà anche sul sito www.confturismo.it .

Riteniamo che l'iniziativa di ENIT sia lodevole e fornisca alle imprese ed alle nostre Guide uno strumento di lavoro potenzialmente utile.


 

21/2/2014 - XXV GIORNATA INTERNAZIONALE

DELLA GUIDA TURISTICA PROMOSSA DA WORLD FEDERATION OF TOURIST GUIDE ASSOCIATIONS

Anche GITEC ha partecipato alle iniziative legate alla Giornata internazionale della Guida turistica che quest'anno si è celebrata venerdi 21 febbraio.

GITEC ha organizzato una visita guidata gratuita a Palazzo Castiglioni in Corso Venezia 47 a Milano, sede di Unione Confcommercio Milano e della stessa GITEC.

 Capolavoro dell’architetto Giuseppe Sommaruga, tra i principali protagonisti del Liberty in Italia, l’edificio costruito tra il 1900 e il 1903 rappresenta simbolicamente l’avvento del nuovo secolo borghese e industriale nell’edilizia residenziale milanese. Fu l’ingegnere e imprenditore Ermenegildo Castiglioni, uomo di grande cultura e apertura intellettuale, a commissionarne la costruzione secondo il gusto dilagante nell’Europa di inizio ‘900, che va sotto l’etichetta di “Art Nouveau”. Fu certamente una provocazione nel cuore dell’aristocratico corso Venezia, ricco di palazzi neoclassici settecenteschi, e fu scandalo all’inaugurazione, quando accanto al portale furono scoperte due grandi statue nude femminili (la Pace e l’Industria nelle intenzioni dello scultore Ernesto Bazzaro), che valsero al palazzo l’appellativo milanese di Ca’ di ciapp (poi rimosse). Oggi il Palazzo è la sede milanese di Confcommercio ed è visitabile solo su richiesta.

 

La Giornata Internazionale della Guida Turistica, istituita per la prima volta il 21 febbraio del 1990 dalla WFTGA, World Federation of Tourist Guide Associations, la federazione mondiale cui aderiscono associazioni di guide in tutto il mondo, è nata allo scopo di far conoscere la professione della Guida Turistica e contribuire affinché le venga riconosciuto il ruolo di “ambasciatore” dell’area in cui esercita la propria attività professionale.

La guida, a differenza di un libro o di un’applicazione scaricata sul cellulare o tablet, interagisce con il visitatore e risponde alle sue domande attingendo al proprio bagaglio di studi: ricordiamo che la gran parte delle Guide sono laureate e nel corso della loro carriera studiano per approfondire le loro conoscenze. Le Guide possono esercitare legittimamente la professione a seguito del superamento di un esame abilitante.

 


 

 

GITEC, Associazione Guide Italiane Turismo e Cultura, è stata fondata a Milano il 26 giugno 2009, ed è l’Associazione di categoria che, attraverso Unione Confcommercio Imprese per l'Italia - Milano, Lodi, Monza e Brianza, tutela e valorizza la professione delle Guide Turistiche.

GITEC aderisce a Confguide, il nuovo sindacato che raggruppa diverse realtà territoriali, costituitosi il 7 ottobre 2013 in seno a Confcommercio-Imprese per l'Italia.

Comunicato stampa "Nasce Confguide: rilanciare l'immagine e la professionalità delle guide turistiche"